Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598     Sito Italiano Mountain bike

  Giovedì 18/10/2018 - Asso - Conca di Crezzo - Bellagio  
  Domenica 21/10/2018 - Fino ai piedi di Montevecchia in MTB  
  Giovedì 24/10/2018 - Brunate - Oggiono in MTB  
 
     
 
     
   
     
Interagisci con noi sfruttando la tecnologia, utilizza i nuovi programmi di messaggistica per sapere tutto sulle nostre escursioni. Guarda la pagina Appuntamenti per rimanere sempre aggiornato sul calendario settimanale.
   
   
   
   
   
 
Domenica 14/10/2018 - Brughiera Park Ride
Tanti amici anche oggi per percorrere insieme questo tracciato che alla fine si è fatto sentire nelle gambe per i continui cambi di pendenza che si trovano su questi bellissimi sentieri e sterrati del Parco della Brughiera. Giornata ideale anche quella odierna con temperature fresche al mattino e un bel cielo azzurro che ci ha accompagnato da metà mattina fino al termine. Qualche tratto davvero tecnico con strappi al limite e piccolo tratto di portage ma nel complesso percorribile al 98% in sella. Qualche bella discesa tecnica non manca e qualche bel salto c'è se si è in grado, poi, di guidare la propria mountain bike. In poche parole, divertentissimo e abbastanza impegnativo.  
   
Merate-Parco Adda NordDomenica 07/10/2018 - Merate-Parco Adda Nord
Certe volte ti metti a disegnare un percorso in cui, forse, per la prima volta transiti su stradine, sterrate e sentieri che quindi non conosci o forse più semplicemente non ricordi di esserci già passato.  Ebbene con questo bel tracciato abbiamo superato un buon dislivello, nei limiti dei chilometri percorribili in una mattinata, senza mai strafare anche se in alcuni punti essere abituati alla guida di una mountain bike serve e tanti tratti del percorso erano davvero nuovi. Tanti amici anche oggi e sentieri in ottime condizioni anche dopo le piogge che hanno accompagnato il pomeriggio del giorno precedente. Ma se poi arrivi in un cortile e trovi una targa con la scritta che indica 1884 (forse la data di costruzione dell'edificio) e da li veramente ci sei passato davvero per la prima volta, solo questo ripaga tutto il resto che abbiamo visto e che ci siamo gustati in questa bellissima mattinata.
   
Giovedì 04/10/2018 - Bellano - Valsassina - Lecco in MTB
Una giornata con meteo davvero super anche quella di oggi che ci ha permesso di seguire in tranquillità anche questa nuova avventura su un percorso davvero tosto. Il dislivello non mente e per chi mai volesse intraprendere questo percorso lo faccia con un pò di allenamento perchè non è solo dura la salita che dalle sponde del lago, a Bellano, risale fino a Vendrogno e poi a Taceno ma sono i tratti successivi quelli più aspri. Una bellissima escursione che prevede la vista di scorci notevoli sul lago mentre si sale sui tornanti della SP66 e prosegue poi con la Chiesa di Sant'Antonio Abate a Vendrogno, tutta affrescata all'interno e poi la perla di Comasira in cui si entra da una, non strada, ma che ti lascia a bocca aperta dopo la prima curva... ecco, solo questo e sarete ripagati dalla fatica fatta, ma non è tutto perchè poi c'è tutta la Valsassina.   
Durante le proprie escursioni GMPbike aderisce alle norme di comportamento,  del Codice N.O.R.B.A. (National Off-Road Bicycle Association)
Domenica 30/09/2018 - Quando si dice Brianza in MTB #3
Grandissimo e foltissimo gruppo, 29 i biker presenti, anche oggi, nonostante la giornata non sia iniziata col sole, ma va bene anche così perchè di mattinate, come queste, ne vorremmo tantissime dove si può pedalare senza sudare e c'è quel fresco, giusto. Sono domeniche queste che ci ricorderemo per i tanti amici che settimanalmente si aggiungono per partecipare alle nostre escursioni. Tutto questo ripaga l'impegno di tutti, partecipanti e organizzatori, perchè non sempre è semplicissimo avere sott'occhio un numero così grande di biker, ma ci siamo abituati e con l'organizzazione che oramai ci siamo data con i vecchi ed i nuovi pedalare tra le colline della Brianza è un piacere e con un gruppo così il piacere è doppio.
     
   
 
   
Giovedì 18/10/2018 - Asso - Conca di Crezzo - Bellagio
Nuova escursione per scoprire la Val Valassina o Vallassina con partenza da Asso ed arrivo a Bellagio escludendo il più possibile il percorso del conosciutissimo Triangolo Lariano in MTB. Saranno pochi, ma intensi, i km da percorrere che ci porteranno prima, con una bella e tosta salita, alla Conca di Crezzo proseguendo in discesa verso Barni e successivamente a Civenna. Vedute sul lago stupende prima di arrivare alla bellissima e rinomata cittadina di Bellagio dove terminiamo la nostra escursione... ma l'avventura continuerà con la traversata sul traghetto che ci porterà a Varenna...
   
Domenica 21/10/2018 - Fino ai piedi di Montevecchia in MTB
Nuova domenica, nuovo percorso. Si parte ancora una volta dal Parcheggio di Canonica e si sale verso Lesmo passando per Gerno. Saranno poi gli sterrati che in parte si percorrono all'interno del Parco dei Colli Briantei fino a congiungersi con alcuni che entrano e fanno proprio parte del Parco di Montevecchia e Valcurone. Questa volta però non risaliremo il colle ma ci terremo nella parte bassa da dove comunque potremmo sempre ammirare, anche da vicino, la bella Chiesa del Santuario della Madonna del Carmelo che si staglia sulla cima del Monte.
   
Giovedì 24/10/2018 - Brunate - Oggiono in MTB
Partiamo dal piazzale della stazione della Funicolare che da Como arriva a Brunate per percorrere un tratto del tracciato del famoso Triangolo Lariano, ma inizieremo a scendere di quota quando arriveremo alla Colma di Sormano. Per il momento la discesa è segnata sulla SP44 che ci condurrà quindi alla bella cittadina di Sormano e poi ai bellissimi vicoli di Caglio. Proseguiremo poi in discesa verso Asso e aggireremo Canzo per poi arrivare a Erba non prima di aver  superato il Bosco della Gualdera di Proserpio. Discesa sterrata a Erba e risalita verso Merone ed arrivare con ultimi gli splendidi sterrati alla stazione di Oggiono.
  Meteo Lombardia  
   
   
Valdelsa - Assisi in mountain bike
Quando abbiamo deciso di preparare questa nuova avventura erano ancora mesi freddi tra novembre e dicembre 2017 e ovviamente non si pensava affatto al meteo che avremo potuto trovare, ma l'unico pensiero era di configurare una traccia dove si potessero vedere paesaggi mozzafiato, angoli mai visti in precedenza e un percorso alternativo ad altri di cui il web è pieno. Creata la traccia, in qualche ora di lavoro, bisogna controllarla per non trovarsi poi in alcuni punti dove è impossibile il passaggio e questa è un'attività che per chi è appassionato, come me, porta via ancor più tempo della precedente ma, con i mezzi a disposizione dal web ed alcuni programmi siamo oramai arrivati a vedere tutto e con tutte le angolazioni possibili.
Ovviamente, nonostante tutto l'impegno, qualcosa scappa sempre ma noi siamo un gruppo che non si ferma mai davanti a difficoltà impreviste ed anzi aguzziamo l'ingegno per toglierci quelle piccole soddisfazioni che si provano passando in punti dove è quasi impossibile transitare con i nostri mezzi. Certo in Italia queste situazioni estreme bisogna andarsele a cercare e noi nel nostro piccolo ci siamo riusciti anche quest'anno dove non ci siamo fermati davanti a guadi con acqua molto alta ed a salite con oltre il 20% di pendenza ma il bello di una settimana in mountain bike è anche questo.
La nostra Via Francigena 2014 - da Mensanello a Piazza San Pietro
Terminiamo il nostro itinerario sulla Via Francigena con un pò di rimpianto perchè sono stati 6 giorni davvero molto intensi, sia per la lunghezza del tracciato che per il dislivello, ma siamo veramente soddisfatti sia dal punto di vista fisico, la fatica non ha lasciato strascichi, e le nostre mountain bike, ci hanno supportato dalla partenza dal Borgo di Mensanello all'arrivo a Piazza San Pietro a Roma senza, quasi, nessun problema. Non possiamo essere niente altro che contenti perchè questi giorni, oltre al fatto puramente sportivo, ci hanno davvero fatto capire quanta fatica facevano i pellegrini per raggiungere la Tomba di San Pietro nei secoli scorsi. Noi siamo davvero fortunati, perchè nonostante la lunghezza del tracciato abbiamo a disposizione apparecchiature e tecnologia che ci permettono sbagli su una curva o su un bivio che sono davvero al minimo, ma se ci mettiamo nei panni di coloro che all'epoca percorrevano questi sentieri possiamo immaginare quanti e quanti pericoli potevano trovarsi davanti da un momento all'altro. 
La trilogia dei laghi in mountain bike
Con queste nostre escursioni abbiamo tracciato una via che ci ha portato sulle rive dei 3 laghi Como, Varese e Lago Maggiore. Un percorso impegnativo ma che ci ha portato a conoscere nuovi tratti su tante stradine sterrati e single trail dove veramente il divertimento e la fatica sono assicurati. Un grazie a tutti gli amici, Ambrogio, Fabrizio, Franco, Lillo, Mimmo, Nando, Patrizio che hanno voluto condividere queste belle giornate passate in sella alle nostre mountain bike. Certo, nella fase di stesura del percorso abbiamo cercato di rimanere più lontano possibile dalle tante vie di grande comunicazione ed in larga parte ci siamo riusciti anche se ovviamente non è stato possibile escluderle totalmente. Un percorso davvero vario con splendidi scenari che partono da Lecco fanno tappa a Como e poi a Varese e arrivano fino a Sesto Calende. Abbiamo, così, imparato a conoscere alcune parti di un territorio che, prima, per noi era abbastanza sconosciuto. Una lunghezza non impegnativa con i suoi 139,7 km ed anche con un bel dislivello di oltre 2468 mt. su cui abbiamo, messo a dura prova i nostri mezzi che si sono davvero comportati alla grande e ci hanno sempre permesso, nonostante tutte le difficoltà che si possono incontrare, di poter raggiungere sempre e comunque le nostre destinazioni.
Sulla Via Francigena da Siena a Roma in mountain bike
Prima di poter descrivere tutto quanto abbiamo visto e tutto quanto è successo durante questa settimana passata in sella alle nostre mountain bike un ringraziamento particolare va a Roberto e Patrizio che hanno voluto condividere con me questa bellissima esperienza per seguire una Via tracciata qualche secolo fa da tanti pellegrini che raggiungevano Roma per Fede. Rivivere questa fatica, lontani da casa, senza nessun aiuto esterno durante le nostre tappe giornaliere, in cui per lunghi tratti magari si rimaneva anche soli, ci ha dato modo di pensare davvero alla bellezza di tutto questo percorso così lungo, ma poi breve, che ci rimarrà sempre come un ricordo indelebile.
 
   
Contatto:
info.gmpbike@gmail.com