Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598     Sito Italiano Mountain bike

Data  Appuntamenti 
   
SOSPESA
Titolo escursione  Il giro dei due Laghi - Pusiano e Annone in mtb
Lunghezza percorso
  35,7  
Dislivello mt
  533  
Grado di difficoltà 
   
  E' sempre importante, prima di partecipare, sapere quali difficoltà presenta il percorso e considerare il vostro grado di preparazione  
Breve descrizione  Questa domenica ci spostiamo in Alta Brianza per poter vedere due bellissimi specchi d'acqua che fanno parte del nostro territorio e che in autunno sono ancor più belli con i colori delle foglie degli alberi che si specchiano vicino alle loro sponde, sto parlando dei laghi di Pusiano e Annone. Ma non ci saranno solo i laghi ad aspettarci, ma anche qualche salita, mai però al limite, che ci farà raggiungere la parte bassa del Monte Cornizzolo da dove godremo, se la giornata sarà limpida di un paesaggio stupendo sulla pianura e sui laghi che ne fanno parte. Un percorso anche questo nuovo che non mancherà di darci soddisfazioni.  
Road-book Lasciamo il parcheggio e la stazione di Merone alla nostra sinistra e procediamo in rettilineo su via P. G. Emiliani e raggiungiamo la rotonda. Proseguiamo sempre diritto e con la strada in discesa arriviamo alla prima traversa a destra e giriamo per percorrere , sempre in discesa, via G. Marconi. Dopo la cura a sinistra, attenzione perchè la strada qui è stretta, oltrepassiamo il ponte sul fiume Lambro e risaliamo dalla parte opposta verso la località Maglio.
Strada che parte in leggera salita e che diventa impegnativa quando iniziamo il tornantino che ci immette poi sul tratto semi-pianeggiante che arriva nelle prime case della frazione. Arrivati al bivio giriamo a sinistra e percorriamo via Cavour fino al bivio successivo dove ci teniamo a destra e proseguiamo fino all'altro bivio dove giriamo a sinistra per percorrere via A. Moro e superiamo il passaggio a livello.
Subito dopo giriamo a destra ed entriamo nelle case di Moiana una frazione di Merone. Seguiamo la strada asfaltata che ci porta all'incrocio con la SP47 e la attraversiamo ed in discesa arriviamo nei pressi delle sponde del lago di Pusiano. Tenendoci a destra imbocchiamo il sentiero che corre nei pressi della riva ed entra nel bosco e lo percorriamo fino alla fine raggiungendo la zona della Punta del Lago.
Girando a destra andiamo a prendere il sottopasso che ci permette di attraversare la provinciale e risaliamo nel mezzo delle case di Casletto. Raggiunto l'incrocio con via V. Emanuele giriamo a sinistra e ne percorriamo 200 m per girare poi a sinistra e ritornare ad incrociare la provinciale che anche qui attraversiamo per andare a prendere un'altro tratto di pista ciclo pedonale che arriva al lido di Rogeno.
Tenendoci a destra lo percorriamo tutto e risaliamo a destra verso l'incrocio con la SP47. Giriamo a sinistra e raggiunto il bivio con via San Giuseppe ci teniamo a destra ed iniziamo la salita per il bel borgo di Garbagnate Rota. Passeremo nei vicoli del piccolo paesino, piccolo gioiello della Brianza, e proseguiamo in discesa verso l'incrocio con via Don L. Monza. Giriamo a a sinistra e raggiungiamo la rotonda che attraversiamo per proseguire su una stradina sterrata che arriva su un'altro bellissimo tratto di lungolago a Bosisio Parini.
La prima parte è strada sterrata mentre una volta superato il Camposanto il fondo diventa piastrellato e si passa su un viale alberato che costeggia il bellissimo specchio d'acqua e che termina quando arriviamo sul piazzale nei pressi del parcheggio. Passiamo accanto all'Oratorio di San Gaetano e ci teniamo a sinistra su via Prospagliaro che strettissima passa tra le case vecchie del paese ed entra poi, diventando sterrata, nel boschetto che costeggia qui le sponde.
Quando termina la sterrata siamo arrivati alla rotonda sulla SP47 e ci teniamo a destra per percorrere via I. Bonfanti che lasciamo quasi subito per immetterci  a destra in una bellissima stradina che oltrepassa prima una zona residenziale e diventa quindi sterrata per salire, dopo un tornate a destra su un tratturo che passa accanto a Cascina Colombè e scende quindi all'incrocio con via Brianza.
Giriamo a sinistra e percorriamo il lungo rettilineo che qui passa accanto e nel mezzo della zona industriale ed arriviamo al ponte sulla SS36 che attraversiamo per girare 100 m dopo a sinistra su via della Poncia una bella stradina che costeggia per un lungo tratto i terreni del Golf.  Percorriamo il lungo rettilieno per circa 1500 m poi al bivio con la strada sterrata giriamo a destra e proseguiamo su queste stradine che ci danno modo di aggirare la zona industriale di Annone Brianza.
Arriviamo così alla rotonda sulla SP49 e giriamo a destra percorrendone 100 m poi giriamo a sinistra sulla stradina che in discesa porta alla frazione Donzeno di Oggiono. Tenendoci sempre a sinistra arriviamo ad immetterci sulla sterrata che entra nel bosco e che rimane per il momento nella parte alta, rispetto al lago, e proseguiamo con una serie di curve sulla stradina che aggira le case di Annone Brianza. Passiamo accanto a Villa Sansoni o Villa Sant'Ubaldo alla Fornace e in discesa andiamo a raggiungere le sponde del lago di Annone.
Il fondo stradale in questo punto è cementato e si pedala velocemente poi il terreno cambia e diventa sterrato passando nel mezzo del boschetto e la stradina ad un certo punto segue il percorso della strada statale 36 fino ad arrivare alla penisola di Isella. Se fino a questo punto il tracciato si è presentato scorrevole senza eccessive salite da questo momento qualche sforzo in più bisogna compierlo.
Rotonda di Isella prendiamo a sinistra ed attraversiamo il ponte, al momento chiuso per lavori di manutenzione, e arriviamo all'incrocio. Lo attraversiamo risalendo la viuzza davanti a noi e poco dopo giriamo a sinistra per percorrere via Isella dove passiamo rasenti al muro di recinzione del Monastero di San Calocero (oggi residenza di Anziani) che andremo a visitare dall'esterno con una piccola deviazione.  Ritornati all'incrocio ci teniamo a destra e andiamo a percorrere via Fontana che con una piccola serie di curve arriva ad un bivio dove giriamo a destra ed in salita imbocchiamo via Roncaglio.
Arriviamo alla curva a destra, quella a gomito, e risaliamo leggermente verso la fine della strada poi a sinistra imbocchiamo la stradina di via Perpicada e già da qui la vista sul lago è davvero stupenda e mentre proseguiamo, sempre in leggerissima salita passiamo alcune case ed immettendoci nel boschetto lasciamo il fondo asfaltato per passare a quello sterrato che poco dopo uscendo in una radura diventa sentiero e con una due tornanti arriviamo in salita al rudere della vecchia Cascina Boroncello.
Proseguiamo adesso in discesa passando la sbarra e seguendo la stretta stradina di via Boroncello che ci porta a Suello dove andiamo ad attraversare le strette stradine del centro storico ed iniziamo la salita che parte da via San Quirico e che passa davanti al Camposanto ed arriva a Cesana Brianza. Superiamo la Chiesa di San Fermo ed arrivati in piazza Cardinal Borromeo procediamo sempre diritto per seguire via Giovanni XXIII che arriva all'incrocio.
Ci teniamo a destra ed ancora in salita seguiamo via Volta che ci porta in via dell'Alpetto dove l'asfalto termina e dove, a fianco del Parco del Roccolo, parte la sterrata che ci porta a ridosso della cava del Monte Cornizzolo.
Ci portiamo su via accesso alla Miniera ed iniziamo una discesa che terminiamo poco prima del ponte dove portandoci a sinistra andiamo a prendere l'ingresso del Sentiero della Via Crucis.  Superiamo il sottopasso e la strada acciottolata inizia subito a salire e se prima con una pendenza accettabile dopo la curva a sinistra la pendenza cambia e se non si è pronti di gambe e fiato si rischia di mettere il piede a terra (se anche lo mettete non c'è niente di male però).
Arrivati davanti alla Croce proseguiamo sempre diritto su sentiero sterrato e passiamo in fianco ad un'altra cava e superiamo il punto del belvedere da dove abbiamo una vista stupenda sulla pianura e su tutti i laghi sottostanti. Il sentiero sale e bisogna fare un pò di portage per superare un piccolo masso e un piccolo guado poi proseguiamo ancora in salita e quando il sentiero diventa più stretto siamo nel punto più alto della nostra escursione e anche da qui si gode di una vista eccezionale.
Iniziamo la discesa su via Ceresuola ed arrivati nei pressi del Camposanto di Eupilio ci teniamo a destra e proseguiamo verso l'incrocio. Giriamo a destra e superiamo il ponte che attraversa la SP42 e seguendo via Segantini arriviamo alla rotonda e siamo in località Cormeno. Ci teniamo a destra e superiamo la Chiesa di San Giorgio e raggiungiamo la rotonda dove ci teniamo a sinistra e proseguiamo fino a piazza Garibaldi.  Con la strada leggermente in salita arriviamo al bivio con via dei Giardini e giriamo a destra percorrendo il lungo curvone che arriva poi all'incrocio con la SP41.
Giriamo a sinistra e poi subito a destra percorrendo un breve tratto di via Risorgimento poi giriamo a sinistra per arrivare in Piazza Pio XII e proseguire poi a destra per via Roma e quindi via A. Manzoni  che ancora in salita ci fa arrivare ad un'altra rotonda e risaliamo verso la piccola piazza della Chiesa di San Donnino a Proserpio. Prendiamo adesso la stradina sterrata che a tornanti scende a fianco della collina e arriviamo al sottopasso dove proseguiamo in discesa raggiungendo il bivio con un'altra sterrata.
Giriamo a sinistra e procediamo in discesa verso la piccola frazione di Carpesino che attraversiamo seguendo via G. Puccini poi ci teniamo a sinistra e percorriamo un breve tratto di dia XXIV Maggio per prendere poi a sinistra la stradina di via Marco da Oggiono che prosegue poi a tratti sterrata fino all'incrocio con via A. Manzoni. Strada in discesa adesso e su via L. Silva e arriviamo all'incrocio con la SP41.  Giriamo a sinistra e 100 m dopo a destra per imboccare via G. Parini e la seguiamo passando nel mezzo di una zona residenziale con la strada leggermente in discesa dopo un'ampia curva a sinistra arriviamo ad un bivio e ci teniamo a destra percorrendo la stradina che a tornanti, in discesa, arriva a fianco della Chiesa di San Rocco.
All'incrocio giriamo a destra ed arriviamo al bivio dove giriamo a sinistra su via via R. Sanzio e con una serie di curve attraversiamo la piccola frazione di Bindella di Longone al Segrino. Arrivati all'incrocio con via M. Buonarroti la attraversiamo e ci immettiamo nella piccola stradina o sentiero che parte ne mezzo tra il parcheggio e la casa ad angolo e proseguiamo in discesa fino ad incrociare la SS639. La attraversiamo e ci immettiamo su via Pian dei Resinelli che attraversa la zona industriale ed arrivati nei pressi del centro sportivo ci teniamo a sinistra e lo aggiriamo seguendo la sterrata che entra nel boschetto e che raggiunge l'argine del fiume Lambro.
Girando a sinistra arriviamo ad immetterci, dopo un breve rettilineo, sul piazzale, a fianco del campo di calcio, che lasciamo subito per andare in direzione del piccolo ponticello che attraversa il fiume e che ci porta sulla riva opposta. Seguendo la strada sterrata giriamo poi a destra seguiamo il corso della Roggia Gallarana  e procediamo in direzione dei capannoni della zona industriale di Erba e giriamo a destra quando incrociamo via delle Gallarane.
La strada passa accanto e nel mezzo di fabbriche e poi con una curva a sinistra arriva alla rotonda sulla SP41 che attraversiamo ed imbocchiamo il lungo rettilineo di via Roma che passa a fianco della linea ferroviaria e raggiunge il sottopasso sulla SP41 dove proseguiamo in leggera salita per arrivare all'incrocio e quindi al passaggio a livello. Lo superiamo ed in leggera salita arriviamo alla rotonda e girando a destra ritorniamo poco dopo davanti al parcheggio della stazione di Merone dove terminiamo anche questa nuova avventura.
Partenza  Parcheggio Stazione di Merone
Arrivo Parcheggio Stazione di Merone
Raggiungibile con Auto, Treno. mtb
Note Per la partecipazione alle nostre escursioni non è richiesto nessun certificato medico, ma, è sempre opportuno, che ciascuno si sia sottoposto prima a tutti i controlli del caso.
Si declina ogni responsabilità per danni a persone e/o cose 
Orari di ritrovo e luoghi
6:45 Stazione FS - Lissone (MB)
7:00/7:10 sulle stazioni che fanno parte della Linea Milano-Como San Giovanni
7:15 Stazione FS - Camnago Lentate
7:00/8:00 Sulle stazioni che fanno parte della linea Milano Cadorna - Asso
8:30 Stazione FS - Merone
Mezzi alternativi per raggiungere il luogo di ritrovo 
Treno Andata Treno Ritorno
Lissone Prezzo Biglietto
Biker  3,60 €
Mtb  3,00 €
  Prezzo biglietto 
Biker   
Mtb   
Orari del treno andata  Orari del treno ritorno
Suburbano 25020 
STAZIONI ARR PAR BIN
Milano Porta Garibaldi   06:39  
Lissone-Muggio' 07:01 07:02 2
Desio 07:05 07:06 1
Seregno 07:09 07:10 2
Camnago-Lentate 07:14 --:-- 1
Como S. Giovanni 07:41    
Suburbano 4720 
STAZIONI ARR PAR BIN
Camnago-Lentate --:-- 07:25 --
Seveso 07:29 --:-- --
M N Cadorna 08:07    
Regionale 4615 
STAZIONI ARR PAR BIN
M N Cadorna   07:08  
Seveso 07:33 07:34 --
Meda 07:37 07:38 --
Cabiate 07:41 07:41 --
Mariano Comense 07:44 07:48 --
Carugo-Giussano 07:51 07:52 --
Arosio 07:55 07:56 --
Inverigo 07:59 08:03 --
Lambrugo-Lurago 08:07 08:07 --
Merone 08:10 --:-- --
Asso 08:29    
Il giro dei due Laghi - Pusiano e Annone in mtb
Merone - Lissone in mtb