Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598     Sito Italiano Mountain bike

I tuoi percorsi

Avventura lungo il Po, da Piano del Re a Porto Tolle
Tratto Lombardo - da Valenza Po a  San Pietro in Cerro
04/09/2008 Avventura lungo il Po, 5a tappa - Valenza Po/Sannazzaro dè Burgondi km 36
  Riprendiamo la strada verso la Lombardia e passiamo il Po sul ponte di Valenza. Giriamo verso Frascarolo e possiamo così percorrere una strada piccola e priva di traffico. Passiamo da Suardi, un po’ di vento ci ostacola la marcia. Arriviamo a Pieve del Cairo, proseguiamo per Cascine Nuove e ci fermiamo a Mezzana Bigli per acquistare il pranzo. Nel locale negozio di alimentari sono molto gentili, così pure l’edicolante che spontaneamente di indica dove prendere la strada d’argine. Prima di imboccare questa strada ci fermiamo all’ombra affianco ad un campo di granoturco per rifocillarci. Riusciamo anche a riposare un po’. Dopo  poco si avvicina una donna, forse argentina dall’accento, che incuriosita ci chiede dove siamo diretti e si ferma quindi a fare due chiacchere, e ci ci invita a pranzare a casa sua, gentile ma avevamo già provveduto. Dopo il cimitero svoltiamo a destra per frazione Terzo e troviamo la strada d’argine che percorriamo fino al ponte di ferro. Qui svoltiamo a sinistra per raggiungere Sannazzaro dè Burgondi dove sappiamo esserci degli alberghi. L’albergo Italia è chiuso, troviamo una camera all’albergo Garibaldi di Via Cavour 23 Tel.0382995251. per 50 euro senza colazione. Mentre riposiamo arriva una telefonata dall’ufficio, Livio….ciao dove sei? Io in bici e tu? Sei in ufficio? Si? Allora fermati un attimo e dai un occhiata in internet se ci trovi un albergo per domani…Livio disponibilissimo lo fa e ci trova un albergo “giusto” a Castel San Giovanni. Ah, se non ci fossero certi colleghi che ti prendono alla “Lettera” Grazie. Ciao Livio, sei il migliore maratoneta ma in bici si fa meno fatica…!  

Visualizzazione ingrandita della mappa
05/09/2008 Avventura lungo il Po, 6a tappa - Sannazzaro dè Burgondi/Castel San Giovanni km 59
  Stamattina è un po’ nuvoloso, partiamo di buona lena in direzione di Pavia. Facciamo la strada a scorrimento veloce per recuperare tempo perché forse siamo in ritardo sulla tabella di marcia. Ci fermiamo a fare colazione in un bar a Pieve Albignano. La barista è simpatica e ci chiede che viaggio stiamo facendo…”piacerebbe anche a me” si lascia scappare! Passiamo per Zinasco, troviamo una pista ciclabile lunga circa 1 km che costeggia la strada, arriviamo a Pavia e seguendo le indicazioni di un ciclista locale; svoltiamo a destra per San Pietro e ci troviamo direttamente al cospetto del bellissimo ponte coperto sul Ticino. E’ una bella vista ed è piacevole percorrerlo. Dopo il ponte svoltiamo a destra verso Belgioioso sulla SS 234. Appena superata Pavia ci fermiamo ad un banco di frutta e verdura per acquistare il solito pranzo a base di frutta di stagione. Il gestore è simpatico e ci racconta che si fermano anche altri pellegrini a piedi o in bici che percorrono la Via Francigena. Riprendiamo con lena sfiorati dai Tir fino a Santa Cristina, qui svoltiamo a destra per la 412 verso la Val Tidone e la nostra meta di oggi, Castel San Giovanni. Ci fermiamo all’ombra di un bosco per il pranzo, fa molto caldo e la frutta aiuta a rinfrescarci e a riprendere energia. Dopo un breve riposo riprendiamo la marcia e arriviamo Castel San Giovanni all’albergo Leon D’oro in via Nino Bixio 35,Tel.0523849461, è un albergo in ordine, pulito e i gestori simpatici e disponibili. Ci aiutano anche a cercare via web un albergo per domani e ci danno consigli su ristoranti del luogo con specialità locali; anche loro cucinano ma ci dicono che modestamente fanno menù fissi a prezzi contenuti…. Decideremo, intanto facciamo un giro in paese e non resistiamo ad un bel panino con la mitica pancetta piacentina. La sera poi decidiamo di rimanere in albergo per la cena per niente male a soli 12 euro con vino locale. La stanza è carina, è ideale e apprezziamo la pulita semplicità.

Visualizzazione ingrandita della mappa
06/09/2008 Avventura lungo il Po, 7a tappa - Castel San Giovanni/ San Pietro in Cerro km.  59
  Lasciamo Castel San Giovanni e imbocchiamo subito la strada n.10 verso Piacenza. Tralasciamo le anse del fiume perché vogliamo accelerare il percorso. Arriviamo a Piacenza, facciamo oltre 1 km e poi chiediamo la strada per Mortizza e ci indicano la direzione per l’argine del Po. Ci ritroviamo per una circonvallazione che corre lungo la mura della città che abbiamo alla nostra destra. Proviamo ad entrarvi per un breve tratto, poi riusciamo verso sinistra e imbocchiamo un sottopasso con pista ciclabile che ci porta sull’argine maestro. Arriviamo a Mortizza passando per Bosco dei Santi. A Mortizza scendiamo in paese e ci fermiamo alla cooperativa per prendere un caffè. Facciamo una sosta ai tavolini e un gruppo di ragazzini ci circonda curioso delle nostre bici e colori, facendoci qualche domanda alla quale rispondiamo volentieri, anche altre persone si intrattengono a parlare con noi. Arriva una telefonata di Maurizio, un amico che abita non lontano, ci diamo appuntamento a Roncaglia dove poco dopo ci incontriamo. Lui è venuto in macchina portando cose buone per il pranzo e la sua bici per fare un tratto di strada con noi. Ci diamo appuntamento a Roncarolo e lui ci precede, invece noi riprendiamo l’argine maestro che in questo tratto si snoda in un paesaggio selvaggio e maestoso. A Roncarolo, appena scesi dall’argine, tra la chiesa e il campo sportivo ci sorprende un gazebo in legno con tavolo e panchine ben ombreggiato e una fontanella…nemmeno lo avessimo organizzato! Apparecchiamo la tavola. Maurizio ha portato dell’ottimo salame cremonese, pane croccante, acqua in abbondanza, vino fresco e crostata della mamma. Che pranzo ragazzi! Trascorriamo almeno un paio d’ore a chiacchierare e a rifocillarci. Che sosta piacevole! Maurizio è stato molto gentile e disponibile e ci ha fatto molto piacere. Riprendiamo ora la marcia in tre sempre sull’argine passando da Zerbio e arriviamo a Caorso. Bello il castello al quale diamo un occhiata dal cortile e suggestiva l’architettura del cinema Fox, arrivato fin qui direttamente dal passato ; pittoresca invece la casa di riposo con vistosi motivi religiosi sulla facciata. Fa molto caldo e tira vento contrario. Passiamo per Polignano e arriviamo finalmente all’agriturismo “La valle”, poco prima di San Pietro in Cerro; è una azienda agricola con prevalenza di allevamento maiali e nei fine settimana accolgono i turisti. Si cena con prodotti tipici dell’azienda e tipici del luogo. 55 Euro la camera doppia, tel. 0523839162.  

Visualizzazione ingrandita della mappa