Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598     Sito Italiano Mountain bike

Percorsi

17/06/2007 Brianza Alcuni sentieri (1)
Note sul percorso
Lunghezza complessiva 40 km
Dislivello superato -
Tempo impiegato -
Pendenza massima in salita -
Pendenza massima in discesa -
Fondo Sterrato, Asfalto, sentiero
Impegno fisico Facile
Tecnica Facile
Panorama Brianza
Traccia GPS
Il tracciato di una parte delle nostre escursioni è stato inserito sul portale TurboLince.com
 
Da vedere sul percorso -
Informazioni Turistiche -
Meteo della giornata
Poco Nuvoloso Sole Poco Nuvoloso
Oggi dovevo essere solo, ma l'amico Riccardo mi ha guidato nel percorso che ha seguito i tanti sentieri della Brianza. Alcuni di questi già percorsi in precedenza, altri invece completamente nuovi. L'orario di ritrovo è per le 8:00 in, siamo solo noi due. Da Lissone ci immettiamo nei sentieri del Bosco Urbano e quindi per alcune stradine sterrate che da  Bareggia raggiungono Macherio. Qui Riccardo si ricorda di una sterrata che conduce alla strada che costeggia il fiume Lambro senza dover scendere fino a Canonica. Raggiungiamo il Parco Belvedere di Macherio, dove c'è anche un laghetto con anatre e cigni e quindi passando da dietro nella stradina single trial ci immettiamo in discesa verso il fiume Lambro. Qui un piccolo problemino al freno posteriore della mia bicicletta, ma nulla di grave e quindi si riparte subito. Arriviamo a Ponte Albiate dove usciamo dalla stradina e imbocchiamo solo per pochi metri la strada asfaltata che sale con una curva a destra e poi dopo il tornante arriviamo davanti al Cimitero. Qui entrando nel parcheggio e seguendo a destra del muro di cinta c'è una stradina che porta direttamente in mezzo al bosco e da dove si sale per arrivare a Rancate. Il terreno è molto viscido per le piogge dei giorni precedenti e quindi la salita è in alcuni tratti durissima, ma anche se qualche volta scendo dalla bici, non ci fermiamo e seguiamo i sentieri all'interno del bosco fino ad arrivare al bivio dove prendiamo a sinistra in direzione del guado, senz'acqua, da dove ricominciamo la salita. Raggiungiamo Calò e sempre tenendoci sulle stradine ripercorriamo al contrario un pezzo del sentiero e ci ritroviamo nuovamente al bivio precedente dove però questa volta giriamo a sinistra, ma solo per un centinaio di metri, per poi girare a destra in direzione di Triuggio.  Qui si scende fino ad incontrare un ponte di legno che attraversa un piccolo guado. Dopo questo tratto tutto pedalabile c'è uno strappo che in condizioni di terreno normale è possibile fare, ma oggi con questo terreno bagnato è quasi impossibile, almeno per me, perchè invece il Riccardo sale anche se con molta fatica. Arriviamo alla strada asfaltata che porta a Villa Sacro Cuore e li giriamo a sinistra in direzione di Triuggio. Non seguiamo la strada asfaltata per molto, ma giriamo a destra prima delle case dove passando nel mezzo di due colonne prendiamo la stradina che ci porterà al Bosco del Chignolo. Seguiamo il sentiero tenendoci sempre sulla destra, nella parte alta, e sbuchiamo dietro al piccolo Bar che lasciamo sempre sulla nostra destra per seguire in discesa (quella con i gradoni) in direzione della valletta sottostante. Qui percorriamo un tratto dei cento guadi e non appena la strada inizia a salire nuovamente c'è un problema alla ruota della mountain bike di Riccardo (ha bucato). Dobbiamo però uscire dal bosco per cercare un pò più di luce e quindi pedalando piano raggiungiamo una piccola radura dove ci fermiamo per sostituire la camera d'aria (eh... si succede anche questo quando si incontrano sulla strada tanti rovi e piante di ortiche). Inizia l'operazione di sostituzione della camera d'aria.... Adesso da dove siamo è veramente tutta discesa fino a Canonica Lambro ma bisogna stare attenti perchè il terreno è infido e il rischio di cadere c'è sempre a causa del fondo bagnato. Usciamo dal sentiero e dirigiamo a destra verso il ponte e quindi saliamo in direzione della stazione dove passato il passaggio a livello ci dirigiamo verso il Parco di Monza però passando dalla parte dei sentieri dietro Biassono.  Lo attraversiamo per un piccolo tratto e quindi presso il Camping raggiungiamo l'uscita in direzione di Lissone. Oggi, come segnalato dal computer, abbiamo mantenuto una media di circa 13,7 km orari, quasi tutti fuori strada percorrendo circa una quarantina di KM. Un grazie a Riccardo la bella mattinata passata insieme e alla prossima.... Percorso adatto a tutti, previa preparazione per via dei vari strappetti che si incontrano durante la prima fase della salita che porta a Calò
La mappa sotto riportata non è l'esatta descrizione del percorso, ma è solo una traccia/strong>

Visualizzazione ingrandita della mappa