Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598     Sito Italiano Mountain bike

Percorsi

30/03/2008 - Lambrugo e Dintorni
Note sul percorso
Lunghezza complessiva -
Dislivello superato -
Tempo impiegato -
Pendenza massima in salita -
Pendenza massima in discesa -
Fondo -
Impegno fisico -
Tecnica -
Panorama -
Traccia GPS
Il tracciato di una parte delle nostre escursioni è stato inserito sul portale TurboLince.com
-
Da vedere sul percorso -
Informazioni Turistiche -
Info Meteo della giornata -
Meteo della giornata -
Oggi primo giorno di ora legale, ma l'appuntamento è sempre fisso alle ore 9:00 in Via dell'Arco. Non c'è con noi il Max ma ecco che arriva un nuovo amico, Carlo, che ha visitato il nostro sito ha deciso di provare con noi un'escursione diversa. La nostra meta di oggi è Lambrugo, in mezzo alla verde Brianza, però per arrivare dobbiamo percorrere un bel tratto di asfalto, che però in certi casi riusciamo a tenere lontano grazie ad alcune vie e stradine che oramai conosciamo alla perfezione. Usciamo da Via Di Vittorio e arriviamo alla rotonda, dove giriamo a sinistra per Viale Martiri della Libertà. (è l'ultimo pezzo quello che poi arriva alla frazione Bareggia).  Arrivati al termine del Viale giriamo a destra per Via Enrico Toti che percorriamo tutta ed arriviamo alla curva dove inizia Via Cardinal Ferrari. Qui proseguiamo diritto per Via Edison per immetterci nel tratto sterrato di Via Dosso e dopo la ferrovia, che attraversiamo, continuiamo diritto per Via Rivera fino ad incontrare il semaforo di di Via Battisti. Noi comunque lo attraversiamo e proseguiamo diritto verso Carate Brianza (stiamo percorrendo la strada asfaltata che ci porta nella zona industriale). Raggiungiamo così il semaforo di Via Giuseppe Garibaldi dove giriamo a sinistra in direzione di Verano Brianza. Sempre diritto fino a superare il sottopasso della Strada Statale del Lago di Como e dello Spluga e arriviamo alla frazione di Robbiano di Giussano. Al primo semaforo dopo il ponte, a destra, c'è Via Cesare Battisti che imbocchiamo per seguire Via Monte San Michele e quindi in cima allo strappetto Via Pasubio. Quando termina il leggero tratto in discesa c'è davanti a noi Cascina Lazzaretto che lasciamo alla nostra sinistra ed imbocchiamo la sterrata che a fianco che ci porterà in Via Tofane. All'incrocio giriamo a destra per immetterci in via Resegone, dove la strada gira attorno a nuove costruzioni residenziali diventando per un tratto sterrato e si congunge poi con la statale SP9 Vallassina. Qui giriamo a destra in direzione di Inverigo e questo è un tratto completamente asfaltato. Arriviamo alla rotonda di Lurago d'Erba dove ci fermiamo a sorseggiare il solito caffè che Carlo ci offre (grazie Carlo). Riprendiamo a pedalare dopo pochi minuti e andiamo in direzione di Lambrugo. (percorriamo in questo tratto la strada a destra della rotonda, che è segnalata come strada chiusa, ma il transito per le biciclette è possibile. Dopo un centinaio di metri ci immettiamo sulla statale SS342 (Via Bergamo) che però lasciamo quasi subito per girare a sinistra al cartello che indica Lambrugo Centro. La strada qui è tutta discesa ed andiamo in direzione di Merone. Passiamo davanti al ristorante il Corazziere e da via Cesare Battisti imbocchiamo a destra una stradina che ha un'indicazione un percorso ciclabile chiuso al traffico. Non lo abbiamo mai percorso e quindi perchè non provarlo? Detto fatto, ma prima dobbiamo chiedere ad alcune persone che sono ferme prima della sbarra che ostruisce il sentiero ai mezzi a quattro ruote dove effettivamente portano questi sentieri. L'indicazione è quella che seguendoli arriviamo fino a Costa Masnaga ed allora inziamo a pedalare in mezzo ai campi. Una quiete bellissima lontano dalle auto, dai rumori e dal caos che ci serve per ritempare un pò la mente e lo spirito. Ovviamente non conoscendo perfettamente questo tratto di strada ogni tanto sbagliamo nel prendere un sentiero oppure un'altro, ma grazie alle persone che incontriamo, molto disponibili ad indicarci il percorso, possiamo fare il giro completo delle colline che da Lambrugo portano fino a Costa Masnaga. Sono però arrivate le 11:00 e quindi dobbiamo pensare già al ritorno perchè il gas ha un'appuntamento per oggi nel primo pomeriggio e quindi non può arrivare a casa molto tardi. Così lasciamo le bellissime stradine che oggi hanno costeggiato campi, ville, cascine e ritorniamo sulla strada asfaltata che ci porterà nuovamente a Lissone, dove arriviamo in un orario decente (12.30) dopo aver percorso circa 60 km. Grazie a Carlo e Gas per una bella mattinata di sport e divertimento. A Carlo grazie della compagnia speriamo di riaverti con noi. 
La mappa sotto riportata non è l'esatta descrizione del percorso, ma è solo una traccia

Visualizzazione ingrandita della mappa