Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598                                           Sito Italiano Mountain bike

Percorsi
Per visualizzare l'intero album fotografico clicca sull'immagine
Data Titolo escursione
06/12/2018 Crossing #02 - 2018 - Parco della Valletta - Parco Montevecchia Val Curone - Parco Valle Lambro
   
Km Dislivello Condizione Richiesta Tecnica Meteo giornata
  31,9  
  529  
   
   
Cielo nuvoloso ma temperature che non danno come riferimento il mese di dicembre, anzi diciamo che quest'oggi il freddo non l'abbiamo sentito proprio con una giornata quindi ideale per la nostra escursione infrasettimanale. Restiamo in Brianza con questo tracciato che attraversa per un bel tratto il Parco di Montevecchia e Valcurone, il Parco Agricolo della Valletta e per non farci mancare proprio nulla anche la parte alta della Valle del Rio Pegorino dove ci si diverte un sacco con quei bei single trial nel mezzo del bosco tra Tregasio e Canonica Lambro. Terreni in ottime condizioni che ci hanno permesso di procedere anche ad una buona velocità nonostante qualche bello strappo.
All'uscita, dalla stazione di Cassago-Nibionno-Bulciago, sulla rotonda prendiamo a sinistra via Stazione ed arrivati alla rotonda successiva proseguiamo ancora diritto per entrare sulla SP342 e procediamo fino al bivio con la SP48 dove giriamo a destra ed iniziamo la salita verso la rotonda in direzione di Bulciaghetto. Giriamo a sinistra e seguiamo un brevissimo tratto di via I° Maggio per girare poi a destra su via Santo Stefano e dopo un tratto sterrato arriviamo sulla bella stradina asfaltata a Valle di Sotto.
Entriamo nel Parco Agricolo della Valletta non lontani dalla Chiesa del Santuario della Madonna del Carmine e dei Morti dell'Avello da dove proseguiamo tra strette stradine e sterrate in direzione di Verdegò. Usciamo dalla stradina sterrata in prossimità dell'Edicola della Madonnina e giriamo a sinistra su via Risorgimento e ne percorriamo poco più di 100m per tenerci a destra ed imboccare via del Poggio. La stradina asfaltata poco dopo termina e passiamo su fondo sterrato per arrivare poi all'incrocio con la SP342. Rimaniamo sulla destra e attraversiamo la SP51 per girare subito a destra e seguire via Beldosso che ci porta all'incrocio con via Lecco dove giriamo a sinistra e poi a destra per immetterci su via Resempiano. Seguiamo la strada asfaltata che con due tornanti risale la collina e con una bella pendenza arriva alla rotonda.
Aggiriamo la rotonda e ci portiamo a destra per entrare nella strada sterrata che risale, per un tratto, a fianco della strada asfaltata e arriviamo dopo un leggero strappo a Cascina Ceregallo passando davanti al piccolo Oratorio di Sant'Andrea (Sec. XIII). Ritrovata la strada asfaltata sulla SP53 proseguiamo diritto e ne percorriamo poco più di 200 m per immetterci adesso nel sentiero che nel mezzo del bosco ci porta con un continuo saliscendi a Bernaga Superiore ed entriamo all'interno del Parco di Montevecchia e Valcurone. Arriviamo a fianco del Monastero delle Monache Romite Ambrosiane (Sec. XI) e giriamo a destra su via Lissolo e proseguiamo sempre diritto raggiungendo in salita il piccolo abitato di Lissolo passando davanti al famoso ristorante. Arrivati al bivio ci teniamo a destra e imbocchiamo la stretta stradina di via Trieste che prosegue tra le case ed entra ad un certo punto nel bosco uscendone dalla parte opposta incrociando via G. Besana. Giriamo a sinistra e in discesa arriviamo all'incrocio con via G. Garibaldi dive giriamo a destra e proseguiamo ancora in discesa fino all'incrocio con la SP53.
Giriamo a destra e proseguiamo sempre in discesa su via Arnigò ed alla seconda traversa a sinistra giriamo su via G. Besana entrando nella periferia di Sirtori. La stradina acciottolata passa davanti a Villa Besana e superato il cancello di entrata alla villa arriviamo a passare la sbarra per entrare nel sentiero e quindi nei single trail che nel mezzo del bosco, con cambi spesso di direzione, ci portano alla periferia di Viganò.
Usciamo dal Parco di Montevecchia e Valcurone quando ci immettiamo su via A. De Gasperi che arriva al bivio dove giriamo a sinistra per procedere in direzione dell'incrocio con via G. Marconi. Girando a destra percorriamo 250m del rettilineo e ci portiamo poi a sinistra su via L. da Vinci e superiamo il Camposanto arrivando alla rotonda. Lasciamo alla nostra destra la Chiesa di San Vincenzo e proseguiamo diritto per un breve tratto su via della Vittoria e giriamo alla prima traversa a sinistra imboccando via delle Molere.
La bella stradina, sempre leggermente in salita, ci permette di non percorrere la provinciale e rimanendo lontani dal traffico aggiriamo le case della frazione Molinata e ci immettiamo poi su via Sant'Apollonia che su strada sterrata ci fa arrivare al bivio con via G. Beretta. Giriamo a destra e arriviamo all'incrocio con via B. Buozzi per girare a sinistra e percorrere un brevissimo tratto di SP53 che lasciamo al bivio per procedere diritto su via Giovanni XXIII.
Al bivio successivo ci teniamo a sinistra ed entriamo su via G. Leopardi per prendere a sinistra via G. Pascoli. La stradina prima asfaltata diventa in seguito sterrata. Al primo bivio ci teniamo a sinistra ed iniziamo il tratto in single trail che rasenta sempre il boschetto e che arriva, leggermente in discesa, alle prime case della frazione Casirago. Percorrendo la stradina di via A. da Giussano arriviamo all'incrocio con la SP51 che attraversiamo per immetterci nella stretta stradina che sale adesso nel mezzo delle case di Monticello Brianza.
Arriviamo nel centro storico cittadino e tenendoci a sinistra percorriamo via G. Sirtori per arrivare alla rotonda dove prendiamo a destra via J. della Quercia ed in leggera discesa andiamo ad immetterci, seguendo la prima traversa a sinistra, ritorniamo negli sterrati del Parco Agricolo della Valletta. La bella sterrata che attraversa i campi, con continui cambi di direzione, ci fa arrivare all'incrocio con via Monte Rosa che attraversiamo passando accanto a Cascina Besanella 2 per proseguire quindi in direzione di Besana Brianza uscendo su via Tagliamento. Proseguendo sempre diritto percorriamo prima via Castano e successivamente via E.T. Moneta passando davanti alla stazione ferroviaria. All'incrocio con via Dante Alighieri proseguiamo sempre diritto e ci immettiamo in via A. Manzoni e procedere nelle strette viuzze passando per via Santa Caterina da Siena e quindi via del Santo Sudario ed arrivare alla rotonda sulla SP6 quando siamo a Valle Guidino.
La attraversiamo e ci portiamo su via G. Verga e proseguendo sulla stradina ci teniamo poi a destra ed andiamo ad immetterci su sentiero che parte verso sinistra e che va ad attraversare il grande prato. Passando accanto alla fattoria arriviamo ad imboccare la strada sterrata che arriva all'incrocio con via A. De Gasperi a Montesiro. Giriamo a sinistra e poi a destra e ci immettiamo sulla sterrata che entra nella Valle del Brusignone arrivando davanti all'Agriturismo. Risaliamo a sinistra la sterrata e il single trail che parte dopo la sbarra e quindi ci immettiamo sul tratturo che arriva a Cascina Borgonovo alle porte di Tregasio. Attraversato il cortile della cascina ci portiamo su via L. Bernini ed arriviamo all'incrocio con via L. Cagnola. Giriamo a sinistra e poi subito a destra per procedere sulla stradina che passa nel mezzo di alcune villette e che aggira poi il Camposanto per arrivare sul via dei Tigli. Proseguiamo diritto, sul viale alberato, ed arrivati all'incrocio giriamo a destra su via Don D. Colli e poi a sinistra su via Cascina Gianfranco per proseguire poi, verso destra, e seguire la stradina mista sterrata cementata che scende verso via dei Boschi.
Giriamo a destra e 150 m più avanti a sinistra e superiamo le colonne per seguire il single trail che attraversa i campi e che si immette poi sul sentiero che entra nella Valle del Rio Pegorino. Percorriamo i sentieri della parte alta con un bel saliscendi nel mezzo del bosco dove in alcuni tratti il sentiero è abbastanza esposto. Poi uscendo da bosco ci teniamo a sinistra e ancora su un single trail arriviamo alla prima periferia di Canonica Lambro nei pressi di Cascina Zuccone.
Quando ritroviamo l'asfalto su via Don L. Sturzo giriamo a destra e passiamo davanti ai resti della vecchia Chiesa di San Biagio per imboccare la stradina che in discesa ci porta all'incrocio con via M. Buonarroti. La attraversiamo e procediamo sul lungo rettilineo di via L. Da Vinci e imbocchiamo via Cardinal Ferrari che arriva all'incrocio con via Matteotti. Giriamo a sinistra per la sterrata che arriva davanti ad una villetta ed alcuni piccoli capannoni poi giriamo a destra e proseguiamo sul sentiero che in leggera discesa in direzione del boschetto per poi girare a destra e seguire il single trail che risale leggermente e che devia poi a sinistra, quando siamo davanti ad un piccolo e vecchio fabbricato diroccato.
Poche centinaia di metri e poi la curva a destra e il sentiero che risale in direzione di alcune villette e che devia a sinistra per immettersi nella sterrata che arriva tra alcune case. Giriamo a destra su via Monte Rosa e poi seguiamo il rettilineo fino all'incrocio con via Conte P. Taverna che attraversiamo per entrare su via M. Faito ed arrivare a Cascina Variana. Un breve tratto in discesa per arrivare all'incrocio con via Monte Bianco dove giriamo a destra e arrivati davanti al Camposanto prendiamo a sinistra la stradina che esce poi nel parcheggio retrostante. All'incrocio sulla SP135 giriamo a destra e dopo un piccolo tratto in salita arrivati al bivio ci teniamo a sinistra e procediamo fino alla prima traversa a sinistra dove giriamo su via dell'Acqua. Scendiamo a sinistra verso l'imbocco della ciclopedonale e superato il ponte sul fiume Lambro giriamo a sinistra e proseguiamo sulla GreenWay fino all'arrivo sull'incrocio di via Lambro dove giriamo a destra e ci portiamo al parcheggio della stazione di Macherio-Canonica dove termina la nostra escursione.
Crossing #02 - 2018