Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598                                           Sito Italiano Mountain bike

Percorsi
Per visualizzare l'intero album fotografico clicca sull'immagine
Data Titolo escursione
22/04/2019 Le colline di Costa Masnaga - Camisasca - Rogeno
   
Km Dislivello Condizione Richiesta Tecnica Meteo giornata
  33,7  
  478  
   
   
Partenza da: Arrivo a:
Briosco - Parcheggio Centro Sportivo via Magellano Briosco - Parcheggio Centro Sportivo via Magellano
Pasquetta in mountain bike per distruggere le scorie del pranzo Pasquale su questo bel tracciato che ci ha riservato stupendi paesaggi sulla Brianza. Giornata fresca, al mattino, ma il tempo è migliorato con il passare delle ore e quindi anche la nostra voglia di pedalare. Terreni in ottime condizioni  bellissima compagnia, come al solito, e nuovi amici presenti alla partenza. Si viaggia di buona lena e il tracciato sebbene non eccessivamente duro offre alcuni tratti dove si deve far fatica per arrivare a risalire le colline che troviamo in questo bel tratto di territorio brianzolo. 
Partenza dal parcheggio per tenerci a destra e iniziare subito la sterrata e il sentiero che superano in ordine Cascina Foppa e Cascina Bulla per immetterci poi, a sinistra, nel Bosco della Gagiada. Tratti in varie pendenze e discesa nella valle della Bevera dove sul piccolo ponte in legno andremo ad attraversare il torrente. Proseguiamo passando sotto le volte del ponte della SS36 e arriviamo alla piccola frazione di Fornaci.
Giriamo a destra su via XI Febbraio e seguendo il lungo rettilineo ci portiamo verso il bivio di Fornacetta frazione di Inverigo. Giriamo a sinistra e seguiamo poi a destra via Cattafame e immettendoci sulla greenway del Lambro proseguiamo verso Gaggio che raggiungiamo dopo aver affiancato per un tratto la strada statale. Giriamo a sinistra e seguiamo via Gaggio che passa inizialmente tra le case e devia poi a sinistra diventando sterrata ed arriviamo ad un bivio dove giriamo a destra e proseguiamo sempre in leggera discesa fino al bivio successivo.
Giriamo a destra e iniziamo la leggera salita che ci conduce a fianco del centro sportivo e ci portiamo al sottopasso della SS342. Lo superiamo e risalendo dalla parte opposta andiamo ad immetterci, a sinistra, sulla sterrata che segue le sponde del fiume Lambro ed arriviamo prima in località Ceresa e successivamente passiamo accanto a Cascina Bracesco. Al bivio ci teniamo a sinistra e proseguiamo su sterrata fino all'incrocio con via Dante Alighieri a Camisasca.
Giriamo a destra e seguendo sempre la strada asfaltata arriviamo ad un bivio dove proseguiamo sempre diritto ed in un bel tratto in salita imbocchiamo via G. Pascoli. Arriviamo al bivio successivo e ci teniamo a sinistra proseguendo poi, ancora a sinistra, su via Camisasca che in rettilineo ci porta davanti alla Chiesa di San Genesio ed alla Torre Medioevale. Lasciamo il bellissimo ancolo di Brianza da dove avremo anche un suggestivo paesaggio sulla vallata sottostante e sulla Pista ciclistca di Brenno per immetterci su via Cav. U. Riva per girare poi a sinistra, al termine della siepe, per seguire la sterrata che passa a fianco delle case e che in discesa che passa a fianco alla pista e devia poi a a sinistra per andare ad attraversare i campi e raggiungere quindi il bivio con la sterrata di via Sant'Ambrogio.
Giriamo a sinistra e poi subito a destra per via Colombaio che arriva al parcheggio del Parco di Brenno. Entriamo così nelle prime sterrate del Parco che procedono seguendo il corso del torrente Bevera e terminano quando incontrano l'asfaltata via per Rogeno. Giriamo a sinistra ed alla prima traversa a sinistra andiamo ad imboccare via Colombaio dove deviamo a destra per seguire la bellissima sterrata e il tratturo che vanno ad attraversare i campi e ci conducono appena sotto la collinetta di Cascina Maggiolino.
Arrivati sull'asfaltata via S. D'Acquisto giriamo a destra e ne percorriamo 300 m per girare poi ancora a destra e immtterci nuovamente in altri sterrati che questa volta seguono prima la via Vecchi di Maggiolini e successivamente la strada per Cascina Antonietta. Arriviamo all'incrocio con via per Rogeno e la attraversiamo per imboccare la stradina di via E. Fermi. Raggiunto il bivio procediamo sempre diritto ed arriviamo all'incrocio con via N. Sauro.
Giriamo a sinistra e superiamo il ponte sul torrente Bevera per raggiungere il bivio con via San Luigi dove tenendoci a sinistra percorriamo poco più di 100 m di strada asfaltata per proseguire diritto ed entrare nel mezzo del bosco utilizzando la strada sterrata.  Rimaniamo nel boschetto seguendo il sentiero che a curve risale la collinetta ed arriviamo alla periferia di Costa Masnaga e quando ritroviamo la strada asfaltata di via A. Manzoni giriamo a destra e raggiungiamo il parcheggio del Camposanto.
Arrivati all'incrocio giriamo a destra e percorriamo Don C. Allievi ed arrivati al bivio siamo costretti ad andare a destra percorrendo via A. Beretta . Arrivati all'incrocio giriamo a destra su via N. Sauro e superiamo la Casa di Cura alla nostra destra per poi girare a destra su via San Luigi raggiungendo Cascina Canile. Con il sentiero a sinistra andiamo ad attraversare un grande pratone e quando arriviamo al bivio ci teniamo ancora a sinistra per andare a percorrere il tratto ciclopedonale di via Risorgimento.
Al bivio giriamo a destra e superiamo l'edicola dedicata a San Cristoforo per portarci sulla bella stradina che diventa poi sterrata ed attraversando i campi arriviamo sotto le case del nucleo di Cascina Volpera. La lasciamo alla nostra sinistra e proseguiamo sempre su sterrato raggiungendo un bivio da dove proseguiamo tenendoci a sinistra per raggiungere il Camposanto di Cibrone. Lo superiamo ed arriviamo all'incrocio con via Cimarosa dove giriamo a sinistra e poi subito a destra su via Dottor Carpani.
All'incrocio con via A. Conti giriamo a destra e seguiamo la strada fino al bivio e lo superiamo tenendoci a sinistra andando ad imboccare via Italia Libera. Passiamo quindi nel piccolo centro storico di Tabiago-Cibrone percorrendo via V. Veneto e con una discesa a tornanti superiamo la Chiesa dei Santi Simone e Giuda. Arrivati alla rotonda ci teniamo a sinistra ed andiamo ad attraversare il ponte sulla SS36 seguendo la pista ciclopedonale che scende dalla parte opposta deviando a destra superando la SP342 sul ponte.
Imbocchiamo via  Conciliazione e andiamo a percorrere il rettilineo raggiungendo il bivio. Prendiamo a sinistra via L. Cadorna ed alla terza traversa giriamo a destra dove troviamo un bivio. Ci teniamo a sinistra e andiamo a seguire la sterrata il tratturo e il sentiero che ci conduce davanti a Cascina Costa arrivando all'incrocio. Giriamo a sinistra e proseguiamo superando il sottopasso ferroviario ed al bivio successivo giriamo a destra.
La sterrata  attraversa prima i campi e poi entra nel boschetto per uscirne quando siamo arrivati all'incrocio con via Piave. Giriamo a destra e poco dopo seguiamo via G. Matteotti che arriva ad un bivio dove giriamo a destra e poi ancora a destra per seguire la sterrata che entra nel boschetto e che in fondo diventa poi un single trail deviando poi a destra. Usciamo dal boschetto e procediamo a ridosso delle piante fino ad arrivare ad incrociare la strada asfaltata di via C. A, Della Chiesa.
La percorriamo tutta e raggiunto l'incrocio giriamo a sinistra e procediamo, adesso, su via Risorgimento che passa accanto alla linea ferroviaria e raggiungiamo il bivio. Tenendoci a sinistra ci portiamo ancora a ridosso della ferrovia che attraversiamo poco dopo girando a destra quando siamo al bivio con via Roma. Lasciamo il terrtorio comunale di Veduggio ed entriamo in quello di Renate seguendo via Rimembranze.
All'incrocio con via Matteotti procediamo ancora diritto su via L. Einaudi ed arrivati all'incrocio giriamo a destra su via Sirtori ed alla prima traversa giriamo a sinistra seguendo via C. Battisti. Andiamo ad attraversare il piccolo guado sul rio Bevera ed entriamo tra le prime case della piccola frazione Chiesuola dove all'incrocio con via A. Sassi giriamo a destra ed attraversiamo il piccolo piazzale della zona residenziale ed andiamo ad immetterci nella sterrata che ci conduce all'interno dei Cariggi.
Dopo aver superato un paio di piccoli guadi il sentiero devia a destra e andiamo ad attraversare i grandi prati e con una deviazione a destra andiamo in falsopiano a seguire il bel sentiero che devia a destra e va in direzione di Veduggio. Arrivati sulla stradina di via  Fontana proseguiamo diritto fino al bivio e giriamo a sinistra proseguendo verso la rotonda. La superiamo e ci dirigiamo sul rettilineo di Viale della Repubblica che leggermente in discesa ci porta, poco prima della curva, all'imbocco del sentiero della Vecchia Ferrovia Veduggio-Fornaci. Giriamo a sinistra e andiamo a percorrere questo bellissimo tratto che segue l'esatto tracciato dove fino al 1931 è rimasta attiva la linea per il trasporto dei manufatti delle aziende che lavoravano l'argilla.
Al termine il sentiero devia a sinistra e bisogna impegnarsi in un bel tratto in leggra salita tra le piante per arrivare alla prima periferia di Capriano. Seguiamo la stradina di via Valle Stoppa ed arriviamo all'incrocio con via U. Foscolo dove giriamo a sinistra e poi subito a destra su via Meucci e seguiamo le stradine via Nobel e al bivio di via Costone per andare a riprendere le sterrate che in discesa ci portano all'incrocio di Cascina Mornatella. Giriamo a sinistra ed andiamo a percorrere l'ultimo tratto della nostra escursione percorrendo gli ultimi 700 m sulla SP135 che ci conduce poi alla traversa di via Magellano dove giriamo a destra e dove terminiamo il nostro bel tour odierno.
Note sul percorso:    
   
Le colline di Costa Masnaga - Camisasca - Rogeno