Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598                                           Sito Italiano Mountain bike

Percorsi
Per visualizzare l'intero album fotografico clicca sull'immagine
Data Titolo escursione
26/05/2019 Le colline della Brianza e il Parco della Brughiera
   
Km Dislivello Condizione Richiesta Tecnica Meteo giornata
  36,4  
  554  
   
   
Partenza da: Arrivo a:
Carugo - Parcheggio via Primo Maggio Carugo - Parcheggio via Primo Maggio
Descrizione

Domenica mattina con qualche goccia di pioggia ma poi il tempo cambia e nonostante le poche presenze, per via del meteo, il nostro itinerario lo percorriamo. Saranno km nel mezzo del fango, lo sappiamo già ma ci adeguiamo a quello che ci passa il convento. D'altronde non possiamo certo avere sterrati senza pozzanghere e fango dopo un mese quasi ininterrotto di pioggia. Sarà la prima vera prova dell'anno perché in qualche uscita precedente di palta ne abbiamo trovata ma sicuramente non come questa mattina. Bel percorso, divertente e sopra tutto tanta buona compagnia.

Road-Book

Si parte dal parcheggio del Camposanto di Carugo e uscendo teniamo la sinistra e percorriamo un breve tratto del rettilineo di via primo Maggio, poi giriamo a sinistra ed andiamo a percorrere il rettilineo fino ad incrociare a destra via Kennedy dove giriamo per arrivare all'incrocio con la  SP40 . Giriamo a sinistra e poi subito a destra su via A. Manzoni e percorriamo tutta la strada arrivando all'incrocio con via Solferino arrivando ne territorio comunale di Arosio. Curva a destra e quindi a sinistra su via F. Turati e arrivati all'incrocio con via G. Oberdan giriamo a sinistra percorrendone poco più di 150 m.

Giriamo a destra su via S. Borletti e arrivati all'incrocio con via Prealpi giriamo a destra e all'incrocio a sinistra su via Papa Giovanni XXIII. La percorriamo tutta e arrivati al bivio giriamo a destra su via dello Scimè e dopo 300 m all'incrocio giriamo a sinistra su via N. Sauro e seguendo la stradina a destra andiamo al sottopasso della  SP41 . Risalendo dalla parte opposta arriviamo a Romanò Brianza e seguendo via Don Sirtori arriviamo fino in fondo alla strada dove giriamo a sinistra su via dei Prati. Stradina che per un tratto è asfaltata e poi diventa un single trail che attraversa un pratone e termina quando incrocia via S. Liberata.

Tenendoci a destra andiamo in direzione di via N. Sauro e giriamo a sinistra su via Monte Nero ed arriviamo all'incrocio con via della Madonnina. Giriamo a destra e arrivati al bivio a sinistra per girare poi a destra su via G. Mazzini andando a percorrere la bella e lunga discesa che con alcune curve nella parte finale ci conduce su un brevissimo tratto della GreenWay del Lambro quando arriviamo a Fornacetta di Inverigo. Breve escursione sul nuovo tratto della pista ciclo pedonale e poi giriamo a sinistra e quando superiamo il piccolo Camposanto giriamo a destra  per iniziare la salita sulla sterrata di via A. De Gasperi. Arriviamo alla periferia di Inverigo e  uscendo su via Piave giriamo a sinistra e raggiungiamo l'incrocio con via V. Emanuele.

Giriamo a destra ed alla prima traversa a sinistra arrivando alla rotonda dove tenendoci a sinistra andiamo a percorrere via S. Pertini. Siamo arrivati a Villa Romanò e trovata la rotonda successiva giriamo a sinistra quando abbiamo il complesso scolastico davanti a noi. Seguiamo via Don L. Sturzo percorrendo il tratto sterrato e arrivati all'incrocio con via Urbano III giriamo a destra ed andiamo a percorrere il lungo rettilineo che segue la linea ferroviaria fino all'incrocio con via A. Diaz. Giriamo a sinistra e superiamo il passaggio a livello per arrivare all'incrocio e giriamo a destra su via G. Cantore e ne percorriamo 300 m per girare poi a sinistra  su via M. Bosco dove in salita raggiungiamo a destra via Isonzo. Siamo arrivati a Inverigo e andiamo all'incrocio con via del Carso e girando a sinistra arriviamo su via F. Corridoni. Il rettilineo ci porta all'incrocio con via Meda, dove giriamo a sinistra arrivando alla rotonda dove giriamo a destra e seguiamo via Privata d'Adda che conduce davanti a Villa la Rotonda.

Poco prima di arrivare davanti al cancello d'entrata a sinistra, prima della casa (vecchia Cascina) giriamo a sinistra ed andiamo a procedere sulla sterrata che ci porta su via Crucetto e raggiungiamo l'incrocio con la  SP41 . Giriamo a destra e imbocchiamo dia del Pescherino e raggiunto l'incrocio con via al Gigante lo attraversiamo e ci portiamo su via Crivelli e poi su via Pollack. Ritornati su strada asfaltata giriamo a destra e dopo la curva seguiamo via Rocchina che passa a fianco del Santuario di Santa Maria del Noce. Lo superiamo e andiamo a superare il passaggio a livello per arrivare all'incrocio con via Monte Barro. Giriamo a sinistra e subito a sinistra su via Maestri Comacini e seguiamo poi, girando a sinistra, il rettilineo che affianca la ferrovia e devia poi a destra su una sterrata che passa tra il bosco e le case ed arriviamo prima su via Pasubio e successivamente all'incrocio con via Trieste.

Giriamo a sinistra e alla prima traversa imbocchiamo la via privata Sormani ed in salita arriviamo nella Tenuta di Pomelasca. Passiamo in un contesto bellissimo con il paesaggio che è davvero unico quando ci troviamo davanti la piccola Chiesetta Rossa. Tenendoci a sinistra andiamo a percorrere in discesa via A. da Giussano e giriamo a destra subito dopo aver attraversato il passaggio a livello immettendoci sulla sterrata bianca che passa più avanti davanti a Cascina Maria e devia a destra andando ad attraversare i campi. Giriamo poi a sinistra e seguiamo il sentiero e deviamo a sinistra dopo aver superato la vecchia Cascina Carolina (ora in disuso) andando ad attraversare un bel tratto del vecchio borgo passando poi davanti a Villa Sormani.

Il nostro tour 2019 - da Livorno alla Valdelsa in mountain bike

Il rettilineo che imbocchiamo a sinistra ci conduce all'incrocio con la  SP41   che attraversiamo per portarci su via J. F. Kennedy ed arriviamo a Lurago d'Erba. Dopo aver percorso il rettilineo arriviamo all'incrocio con via San Giorgio e giriamo a sinistra per girare poi a destra su via della Madonnina e seguire poi a destra la stradina di via Longura che diventando sterrata ci porta ad addentrarci nel futuro Parco del Zocc del Peric alla periferia di Cremnago. Quando ne usciamo troviamo la  SP40  e proseguiamo a sinistra seguendo il rettilineo per 500 m poi giriamo a destra su via per Brenna e arrivati alla rotonda proseguiamo ancora diritto con la strada leggermente in salita fino ad incrociare la sterrata che entra nella Valletta di Brenna per condurci a Fabbrica Durini.

Siamo entrati nel Parco della Brughiera e una volta ritrovata la strada asfaltata su via A. Volta giriamo a sinistra e procediamo oltre il passaggio a livello ed all'incrocio con la strada sterrata che parte a destra ed andiamo a seguire il sentiero che arriva alla prime periferia di Alzate Brianza. Breve deviazione a sinistra e incrociamo via Anzani dove giriamo ancora a sinistra ed andiamo a percorrere tutta la stradina fino all'incrocio con via Girola. La attraversiamo e andiamo adesso a seguire la sterrata che risale la collinetta fino ad arrivare a fianco della linea ferroviaria dove proseguiamo verso destra ed andiamo a superare la piccola stazione Brenna-Alzate.

Poco dopo attraversiamo  SP9  e proseguiamo ancora diritto sul sentiero che affianca per un tratto la ferrovia e deviamo poi a destra per andare in direzione del Santuario della Madonna di Rogoredo. Superiamo il piazzale con le Croci e seguiamo il viale alberato prima di girare a sinistra per portarci sulla stradina sterrata che con un ampio giro ci riporta nuovamente alla periferia di Alzate Brianza dove imbocchiamo via per Cantù ed in discesa arriviamo alla rotonda sulla  SP9 . La strada sale in modo deciso solo poco prima della curva e raggiungiamo l'incrocio con  la provinciale  SP38  dove giriamo a sinistra e andiamo a percorrerne circa 1200 m. Quando alla nostra sinistra troviamo la sterrata del "Sentiero Cabiate-Montorfano" giriamo a sinistra e proseguiamo nel mezzo del bosco dove la palta, quella vera, la troviamo veramente.

E' però un divertimento cercare di schivare pozzanghere grandissime e fango dove la mtb sprofonda cercando di risalire da qualche parte schivando i trochi delle piante.  Il sentiero che diventa poi tratturo diventa quasi impraticabile quando superiamo il guado sul torrente ma anche qui diventa indispensabile saper condurre il mezzo visto e considerato che di tratti diritti non ce ne sono davvero molti.  Arriviamo così alla piccola Chiesetta di Sant'Adriano a Olgelasca e dopo un attimo di pausa ripartiamo portandoci sulla stradina che ci conduce al semaforo e attraversiamo la  SP39 .

La attraversiamo e riprendiamo la stessa sterrata e lo stesso sentiero precedente e passando nel mezzo del bosco sulla sterrata che lasciamo quando a sinistra troviamo la sbarra dove giriamo ed andiamo a percorrere invece il single trail sul "Sentiero Cascina Amata-Cascina San Martino" ed arriviamo ad incrociare la sterrata a fianco della piccola Chiesetta di San Martino.  La discesa su strada bianca ci porta in direzione di Cascina San Bartolomeo e quindi Cascina Vignazza e Cascina Gattedo dove tenendoci a destra andiamo ad immetterci nel single trail che entra nel bosco e va quindi ad aggirare un grande pratone prima di arrivare al guado e risaliamo quindi portandovi sulla sterrata che arriva in salita su via A. Grandi dove giriamo a destra e raggiungiamo la rotonda e quindi il parcheggio da dove siamo partiti questa mattina.

Note sul percorso:    
   
Le colline della Brianza e il Parco della Brughiera