Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598                                           Sito Italiano Mountain bike

Percorsi
Per visualizzare l'intero album fotografico clicca sull'immagine
Data Titolo escursione
11/07/2019 GMPbike Tour n. 3 - Como - Oggiono
Km Dislivello Condizione Richiesta Tecnica Meteo giornata
  50,3  
  1.164  
Partenza da: Arrivo a:
Brunate - Capolinea Funicolare Oggiono - Piazza Stazione
Descrizione Con quello di quest'oggi abbiamo prolungato il tracciato che unisce adesso i laghi, Maggiore, Como e Annone passando dal piccolo lago del Segrino. Certo non è stata una facile escursione ed anche il dislivello lo dimostra ma quando si arriva a segnare un percorso che raggiunge oramai gli oltre 150 km con un dislivello di oltre 3500 m sono davvero soddisfazioni che condivido con i tanti amici che nel proseguo degli itinerari si aggregano per passare insieme delle splendide giornate in sella alle nostre mountain bike. La giornata è volata via in men che non si dica e  tanti bellissimi paesaggi ci hanno accompagnato dall'inizio alla fine del percorso lasciando dentro di noi ricordi di posti bellissimi in cui vorremmo sempre ritornare. Ma non è ancora finita perché il tracciato proseguirà nelle prossime settimane e quindi rimanete sintonizzati sul nostro sito per avere sempre tutti i dettagli del percorso.
Road-Book

Arriviamo a Brunate con la funicolare così da risparmiarci quest'ulteriore salita che avrebbe aumentato il dislivello di oltre 500 m rendendo il percorso ancor più strong. Scendiamo dal trenino e ci portiamo sulla stradina di via A. Volta uscendo dal cancelletto che si apre in modo automatico al capolinea della stazione di Brunate. Dopo aver scattato qualche bella fotografia sulla città di Como, con vista dall'alto, partiamo e arrivati all'incrocio con via Milano giriamo a destra ed iniziamo la prima salita della giornata.

Stradina che dopo un breve rettilineo, (250 m) devia a destra e con un tornante ci porta davanti alla Chiesa di Sant'Andrea Apostolo (Sec. XIII) che lasciamo alla nostra destra per proseguire sempre in costante salita per le viuzze che si snodano a tornanti e raggiungiamo dopo oltre 2 km la piccola piazzetta dove troviamo, a sinistra la stradina che sale al "Faro Voltiano" mentre a destra troviamo la Chiesa di San Maurizio nell'omonima frazione. Proseguiamo tenendo la destra e percorriamo via delle Colme e sempre in salita, a tratti anche dura, dopo 1000 m raggiungiamo il piazzale del Santuario di Santa Rita da Cascia.

Termina qui il tratto asfaltato ed inizia adesso quello più impegnativo che con i tanti strappi renderà davvero dura questa breve traversata della Dorsale del Triangolo Lariano dove, però, i paesaggi unici vi faranno presto dimenticare la fatica. Passiamo accanto alla Capanna CAO ed iniziamo poco dopo a superare la Baita Celeste e la Baita Trento per arrivare alla Baita Carla. Sempre più in alto, come diceva qualcuno, e la strada sterrata e cementata continua a salire passando per Baita Marisa, Baita Primula e quindi Baita Bondella che si trova al di sotto del Pizzo dei Tre Termini.

Raggiungiamo il Rifugio Boletto mentre stanno sistemando i tavoli all'esterno e subito dopo ci attende la rampa su cemento che passa accanto al Monte Boletto rimanendo sempre all'interno del bosco. Quando ne usciamo troviamo l'incrocio con il "Sentiero di Cresta del Monte Boletto" e proseguiamo sempre a sinistra sulla bella ed ampia strada sterrata da dove possiamo ammirare, a destra, il bellissimo paesaggio della pianura  con in fondo il piccolo Lago di Montorfano.

Tratto abbastanza pianeggiante fino alla "Bocchetta di Molina" da dove, tenendoci a sinistra sul single trail che rientra nel bosco andiamo ad imboccare il famoso ed impegnativo tratto del "Sentiero dei Faggi". Non è per tutti, ma qui essere padroni del proprio mezzo diventa davvero importante perché il single trail che attraversa questo bellissimo bosco è in contropendenza. Alcune delle curve ed alcuni passaggi tra gli alberi ci faranno scendere di sella ma potremo poi proseguire facendo sempre attenzione a come si parte e dove di mettono le gomme del nostro mezzo.

Dopo all'incirca 4,5 km lo lasciamo ed uscendo alla "Bocchetta di Lemma" proseguiamo a sinistra su una strada sterrata che nella prima parte è in falsopiano poi inizia a salire in modo molto impegnativo arrivando appena sotto il Pizzo dell'Asino e sarà così fino a quando arriviamo al "Rifugio Angelo Riella". Ancora un bellissimo tratto sterrato all'interno del bosco dove la strada è larga e si viaggia tranquillamente anche se non mancano gli strappi. Passiamo sotto alla vetta del Monte Palanzone e del Monte Bull e raggiunta la Grotta Guglielmo ed il Cippo Marelli a 1293 m s.l.m. deviamo a destra ed andiamo a percorrere il tratto più bello, sulla vera dorsale dei monti, che passa per la Bocchetta di Caglio, il Monte Croce e la Braga di Cavallo a 1354 m.

Il nostro tour 2019 - da Livorno alla Valdelsa in mountain bike

Poco dopo giriamo a destra ed iniziamo l'impegnativa discesa, su un primo tratto cementato, ed in seguito sterrato che a tornanti nel mezzo di una bellissima pineta ci fa raggiungere Caglio. Raggiunto il piccolo centro cittadino, davanti alla Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso ci infiliamo nelle viuzze del "Borgo Medioevale" passando tra gli stretti vicoli ed andiamo a seguire il Vicolo Rezzago, vecchia strada di collegamento tra Caglio e Rezzago.  I morsi della fame iniziano a farsi sentire e raggiunta la larga strada asfaltata ci fermiamo al "Ristorante Rezzago". Qualche attimo di riposo ci vuole e non avendo nessuna premura magari ci dilunghiamo qualche minuto in più ma anche qui ci sta il divertimento. Scambiarsi quattro chiacchere a tavola sorseggiando anche un buon bicchiere di vino e propedeutico per la salute e per la compagnia se poi a questo si aggiunge anche un buon pasto tanto di guadagnato.

Riprendiamo la nostra avventura sapendo che il tratto più duro lo abbiamo già passato, ma le salite non sono ancora terminate e qualche bello strappetto lo dovremo ancora fare. Seguendo via Santa Valeria dopo il tornante a sinistra arriviamo davanti alla bellissima Chiesa dei Santi Cosma e Damiano (Sec. XIII) e procedendo ancora a destra con la strada in discesa andiamo a percorrere il tornante e sul rettilineo successivo giriamo a destra alla prima traversa imboccando via per Gaggiate. Superiamo il ponte sul Torrente Valle della Roncaglia e passiamo non distanti dai ruderi del Castello di Rezzago (Sec. XIII) che è quasi invisibile perché all'interno del fitto bosco. Questa bella sterrata che prosegue in discesa tra gli alberi era la vecchia strada  del Tivano che rimane a fianco della nuova strada asfaltata e raggiunge poi il piccolo centro di Ca Nova da dove proseguiamo fino ad arrivare in zona Mulini andando ad attraversare il ponte sul fiume Lambro.       

Quando la stradina termina siamo arrivati all'incrocio della  SP41  e tenendoci a destra andiamo a percorrerne poco più di 300 m perché arrivati al bivio giriamo a destra su via Bellagio ed iniziamo il tratto a curve che ci porta subito alle prime case di Asso. Entriamo tra le strette viuzze del centro storico e percorriamo via G. Merzario per girare a destra su via G. Matteotti e quindi ancora a destra su via G. Garibaldi che in leggera salita ci porta a superare un'altra volta, sul ponte, il fiume Lambro.

Giriamo a sinistra e proseguiamo su via Lazzaretto e poi su via SS. Giovanni e Paolo con la stradina che, dopo le transenne, in discesa raggiunge la rotonda di via P. Valsecchi. Passiamo accanto all'Oratorio di Santa Maria in Anceretta (Sec. XV) e giriamo a destra seguendo via Lambro che lasciamo quando procediamo diritto imboccando il sentiero del passaggio ciclo pedonale che segue le sponde del fiume arrivando nel comune di Canzo. Quando la sterrata termina e ci riportiamo sulla strada asfaltata giriamo a sinistra e superiamo il ponte arrivando alla rotonda sulla  SP40 .

Ci portiamo, attraversandola, su via Ca Bianca ed entrati nella zona industriale arriviamo alla prima traversa a destra dove giriamo per andare a passare il piccolo guado del Torrente Ravello. Risaliti sulla sponda opposta superiamo il ponte sulla ferrovia e giriamo a sinistra per arrivare al sottopasso e proseguire verso destra su via G. Puecher.  Al sottopasso successivo giriamo a destra e imbocchiamo via Brusa arrivando all'incrocio con via A, Grandi. La attraversiamo e seguiamo la stradina di via Cav. A. Porroni dove giriamo poi a destra su via F. Tosi e raggiungiamo la rotonda sulla  SP41 .

Ne percorriamo 450 m poi giriamo a sinistra su via Segrino e poco dopo ci immettiamo sul bellissimo tratto della pista ciclo pedonale che passa accanto alle sponde di questo bellissimo gioiellino color verde smeraldo della Vallassina del Lago del Segrino. Arrivati, dopo aver percorso oltre 2 km in un bellissimo contesto, alla rotonda giriamo a sinistra ed imbocchiamo via Roma che, con l'ultimo tratto in leggera salita, arriva davanti alla Chiesa di San Cristoforo nella frazione Mariaga di Eupilio. Giriamo a destra e seguiamo via A. Diaz e poi a sinistra via G. Torti dove all'incrocio troviamo alla nostra destra la Chiesa di San Martino.

Scendiamo di sella per andare a percorrere i gradini in discesa e seguiamo poi la viuzza che arriva all'incrocio con via Ceresuola e giriamo a sinistra passando accanto al Camposanto. Proseguiamo sempre diritto e la strada diventando sterrata inizia a salire prima in modo tranquillo e poi quando diventa single trail in modo un poco più deciso ma nulla di particolarmente faticoso. Superiamo la cascina e ci portiamo in discesa fino a raggiungere quelle pietre che fanno da guado al Torrente Campora e siamo costretti a scendere di sella perché qui il passaggio è consentito solo con un piccolo portage.

Nulla di particolarmente rilevante, sono solo un paio di metri, poi risaliti in sella andiamo a percorrere la sterrata che passa accanto alla miniera del Monte Cornizzolo ed andiamo a seguire un brevissimo tratto con le Cappelle della Via Crucis che da Pusiano sale fino al Santuario della Madonna della Neve. Rimanendo sempre in sella procediamo in discesa sul tratto di strada acciottolata e superato il sottopasso della strada di accesso alla Miniera giriamo a destra andiamo a percorrere il bello strappo che ci porta sulla strada asfaltata. Essere pronti con il cambio sul rampichino vuol dire non mettere il piede a terra, ma se anche succede che lo mettiate sono solo una decina di metri in cui dovrete spingere la vostra mountain bike.

Arrivati sulla strada asfaltata andiamo a percorrerne solamente 350 m per poi tenerci a sinistra e procedere sul single trail che entra nel mezzo del bosco e che ci porta a ridosso delle strutture della miniera dove in discesa sterrata ci portiamo su via dell'Alpetto e passiamo a fianco del Parco del Roccolo di Cesana Brianza. Da questo momento inizieremo a seguire tantissime stradine che passano all'interno dei centri storici di questi paesini arroccati ai piedi del Monte Cornizzolo. Passiamo prima dal centro di Cesana e su piazza Cardinal Borromeo possiamo vedere la bella Chiesa di San Fermo. Proseguendo in leggera discesa arriviamo a superare il Camposanto e girando a destra su via Stoppani arriviamo ad incrociare via G, Verdi dove giriamo a sinistra e raggiungiamo il centro storico di Suello. 

All'incrocio di via San Fermo procediamo diritto per via Stefanoni e quindi seguendo via per Boroncello iniziamo un altro tratto in salita su stradina asfaltata e superata la casa, alla nostra sinistra, andiamo a percorrere lo strappetto cementato che arriva fino alla sbarra. La superiamo e seguendo adesso la sterrata passiamo accanto a Cascina Boroncello e una volta superato il caseggiato ci teniamo a destra ed in discesa andiamo a percorrere la bella sterrata che tra i campi ci conduce sulla bella stradina di via Perpicada da dove abbiamo una bellissima vista sulla pianura e sul sottostante Lago di Annone.

Quando la stradina termina giriamo a destra su via Roncaglio ed arriviamo fino alla rotonda della provinciale dove giriamo a sinistra e poco più avanti raggiungiamo il ponte sulla  SS36  che attraversiamo per arrivare alla rotonda successiva dove giriamo a destra per andare ad imboccare il tratto della pista ciclo-pedonale che va ad aggirare il periplo del lago. Dopo aver lasciato la parte che corre a ridosso della strada statale entriamo nel territorio comunale di Annone Brianza e con la bella stradina a tratti cementata ed a tratti sterrata andiamo in direzione dell'ultimo strappetto che ci conduce a Cascina Donzeno. Discesa adesso per arrivare  all'incrocio sulla  SP49   dove giriamo a destra e arrivati alla rotonda giriamo a sinistra per superare il Camposanto. Alla rotonda successiva a sinistra per poi seguire la stradina che ci conduce al passaggio a livello e raggiungiamo quindi Piazza Stazione dove termina il nostro percorso odierno.     

Siamo davvero arrivati al termine di questa nuova avventura e un po' ci dispiace anche se il pensiero è già rivolto alla prossima tappa di questo impegnativo tour che proseguirà ancora tra le bellezze della nostra Brianza perché di cose da scoprire, per chi non la conosce, ce ne sono davvero tantissime.

Note sul percorso: 1) Qualche tratto all'interno del Sentiero dei Faggi non è percorribile in sella
   
GMPbike Tour n. 3 - Como - Oggiono