Invia un messaggio con WhatsApp al numero 340.1823598                                           Sito Italiano Mountain bike

Percorsi
Per visualizzare l'intero album fotografico clicca sull'immagine
Data Titolo escursione
14/07/2019 Colline della Brianza in MTB
   
Km Dislivello Condizione Richiesta Tecnica Meteo giornata
  37,1  
  418  
   
   
Partenza da: Arrivo a:
Briosco - Parcheggio centro sportivo - Via Magellano Briosco - Parcheggio centro sportivo - Via Magellano
Descrizione

Itinerario tranquillo con un dislivello adatto davvero a tutti e con un bel gruppo di amici presenti alla partenza da Briosco. Qualche foratura e alcune scivolate ci hanno rallentato un poco ma fortunatamente non è successo nulla di grave e siamo tornati tutti al parcheggio in sella alle nostre mountain bike. Salite abbordabili e bellissimi paesaggi che già dalla partenza ci guidano nel superare le belle colline sotto a Costa Masnaga ma l'arrivo alla piccola Chiesetta di San Martino (Sec. XII) a Garbagnate Monastero è stata la ciliegina sulla torta di questo itinerario. Abbiamo inoltre tracciato alcuni sentieri dove oramai non ci passa quasi più nessuno  ed è un vero peccato perché con questi brevi tratti all'interno dei boschi o dei prati si riesce ad evitare di pedalare su asfalto accanto, magari, ad auto che continuano a suonare il clacson anche se sei in una stretta viuzza e non hai quasi lo spazio per poterti accostare al muro. Giornata bellissima dal punto di vista del meteo e terreni in buonissime condizioni che ci hanno permesso di poter tenere una buona media nonostante tutto.

Road-Book

Dal parcheggio, del centro sportivo di Briosco, ci teniamo a destra ed iniziamo subito a percorrere la sterrata bianca che passa accanto a Cascina Foppa e Cascina Bulla per diventare poi un sentiero che ci introduce, poco più avanti, tra gli alberi del "Bosco della Gagiada". Andiamo ad attraversare il bosco scendendo nella valle del "Rio Bevera" seguendo il sentiero più impegnativo e dobbiamo stare attenti un poco di più perché in questo tratto sassi e grosse radici spuntano ad ogni piccola deviazione.

Superato il piccolo ponticello, sul torrente, proseguiamo sempre diritto per sottopassare i piloni del ponte della  SS36  e poco dopo raggiungiamo la piccola frazione Fornaci. All'incrocio con via XI Febbraio giriamo a destra ed andiamo a percorrere il rettilineo che attraversa le case  ed arriviamo alla frazione Fornacetta di Inverigo. Giriamo a destra e dopo aver superato la piccola Cappella di San Mauro giriamo a destra e andiamo a percorrere via Cattafame. Tenendoci a destra possiamo utilizzare il bel tratto ciclabile della GreenWay del Lambro che prosegue anche dopo la rotonda andando in leggera salita seguendo il percorso della  SS36  fino alla deviazione a destra verso la frazione di Gaggio.

Da questo tratto ci immettiamo poi sulla sterrata che aggira le case e arriva al centro sportivo dove superiamo il ponticello in legno che attraversa la Roggia di Tabiago e il sottopasso sulla statale  SS342  proseguendo a sinistra sulla sterrata. Poco dopo ci tocca fermarci per un problema alla gomma posteriore dell'amico Civas che ha bucato. Le operazioni per la sostituzione della camera d'aria durano davvero poco e poi ripartiamo. Quando raggiungiamo il bivio di Cascina Ceresa giriamo a destra ed iniziamo la salita su strada sterrata in direzione della frazione di Cibrone. Poco dopo un altro amico ha lo stesso problema ed anche qui una spina ferma il gruppo. Riusciamo in men che non si dica a sostituire il tutto e si riparte.

Arrivati nei pressi del Camposanto giriamo a sinistra e ci portiamo tra le belle colline Brianzole dove il paesaggio dei monti in lontananza è sempre bellissimo. Inizia anche a salire la temperatura ma al momento la cosa è ancora accettabile. Seguendo sempre strade sterrate aggiriamo l'abitato di Costa Masnaga passando per il Parco di Brenno seguendo le sponde del torrente Bevera ed arriviamo al ponte sul Mulino della Crotta (sec. XVIII) raggiungendo l'incrocio con via N. Sauro. Tenendoci a destra utilizziamo il tratto ciclo pedonale ed arrivati al bivio successivo giriamo a sinistra e proseguiamo ancora su strada sterrata, sempre accanto alla sponde del torrente, rimanendo all'ombra del bosco. Aggiriamo la zona industriale di Calvenzana e usciamo nuovamente su strada asfaltata nei pressi dello svincolo di immissione sulla  SS36  e andiamo a sinistra in direzione del sottopasso per raggiungere la rotonda dove giriamo a sinistra ed iniziamo il tratto in salita su via G. Garibaldi arrivando alla periferia di Molteno. Alla prima traversa giriamo a sinistra su via Cavour e  ttenendoci a sempre a destra andiamo a superare il ponte sulla ferrovia per girare poi a sinistra su via Papa Giovanni XXIII.

Il lungo rettilineo supera una rotonda e arriva nelle viuzze del centro storico passando accanto alla Chiesa di San Rocco dove giriamo a destra e percorriamo via Roma e via del Cavo per arrivare all'incrocio con via A. Grandi dove giriamo a destra. Raggiunta la rotonda giriamo a sinistra e andiamo a percorrere via della Vittoria che ci porta ad incrociare la  SP49  che attraversiamo per seguire la stradina di via Molteno che in salita di porta al bivio dove giriamo a destra seguendo via Don G. Biffi.   La seguiamo fino ad arrivare all'incrocio con via Gaesso e e giriamo a destra proseguendo poi sempre diritto per procedere in salita sulla sterrata che ci porta sulla collina dove troviamo al Chiesetta di San Martino (Sec. XII). Le transenne, che sono poste a distanza della bella Chiesetta, non ci danno modo di avvicinarci per poter scattare quale bella fotografia ma ci accontentiamo di guardare dall'alto della collinetta il paesaggio circostante con la vista del Lago di Pusiano e delle Prealpi, alla nostra destra, mentre dalla parte opposta la piana tra Garbagnate e Bulciago con relativi siti industriali.

Il nostro tour 2019 - da Livorno alla Valdelsa in mountain bike

Ripartiamo andando a percorrere il single trail che scende attraversando i prati sul terrazzamento e raggiungiamo la stradina di via Tregiorgio. Rimaniamo sempre sull'asfaltata e giriamo a destra quando alla nostra troviamo un boschetto da dove parte un single trail, quasi scomparso, che va poi più avanti ad attraversarlo e supera un piccolo rio. Uscendo dalla parte opposta arriviamo dopo una deviazione a sinistra ad incrociare via Grigna. Tenendoci a destra arriviamo quasi davanti al passaggio a livello e giriamo a sinistra su via Europa e iniziamo una leggera salita che ci porta alla periferia sud di Garbagnate Monastero  per seguire a destra via Provinciale che dopo una esse va in direzione di una rotonda.

A metà del rettilineo giriamo a destra, nei pressi del vivaio, e procediamo per una bel tratto su un sentiero che anche qui in alcuni tratti è quasi sparito e che prosegue all'interno di terrazzamenti su un single trail che arriva alla periferia della frazione Brongio. Arriviamo all'incrocio con via Milano e facendo attenzione, perché qui le auto arrivano ad una bella velocità, la attraversiamo per proseguire all'interno dei primi sterrati del Parco Agricolo della Valletta. Sentiero abbastanza tecnico e molto lavorato dalle piogge dove si vedono cumuli di erba e grossi sassi che si sono spostati dalla violenza dell'acqua che scorreva lungo la discesa. Forse, se non si è perfettamente padroni del mezzo, dovrete scendere di sella ma se ce la fate a percorrere il breve tratto in salita, 150 m, potete tranquillamente rimanere in sella perché dopo la curva a destra la strada praticamente spiana. Certo il fondo non è dei migliori ma con un po' di tecnica e astuzia si riesce a superare anche questi piccoli intoppi.  

Dopo circa 600 m in single trail, magari tra qualche rovo e tra stretti passaggi tra le piante, raggiungiamo l'incrocio con la strada asfaltata di via S. Pertini e giriamo a sinistra. Brevissimo rettilineo su strada asfaltata e al bivio proseguiamo, tenendoci leggermente a sinistra per entrare sulla sterrata, a sinistra dell'edicola della Madonna, ed iniziamo a seguire il sentiero che va ad attraversare alcuni prati per poi arrivare all'immediata periferia di Barzago.  Procediamo sulla stradina asfaltata di via De Gasperi ed arrivati all'incrocio con via J. F. Kennedy giriamo a destra e quindi a sinistra su via C. Cantù per arrivare all'incrocio con via A. Manzoni. Giriamo a destra e raggiungiamo l'incrocio con la  SP342  e la attraversiamo per portarci nei pressi del Centro sportivo comunale dove ci immettiamo su via G. Leopardi.

Strada che passa nel mezzo della zona industriale e che termina diventando sterrata iniziando una leggera salita fino a ritrovare la stradina asfaltata si via S. Pertini. La percorriamo fino a trovare alla nostra destra i cartelli con le indicazioni verso Cascina Costaiola e Cascina Peltraio e procediamo su questa bellissima sterrata che sempre in saliscendi ci permette di rimanere all'interno del bosco anche dopo aver superato Cascina Monte Gregorio.  Con una deviazione a sinistra proseguiamo in direzione di Barzanò arrivando ad incrociare la sterrata di via della Cappelletta dove giriamo a sinistra e poi a destra per raggiungere l'incrocio con la   SP48  . La attraversiamo e ci portiamo diritto su via Tenente F. Confalonieri e proseguiamo sempre diritto  fino alla rotonda della frazione Torricella.

Proseguendo ancora diritto su via Oriano ci teniamo poi a destra e quando la strada termina arriviamo sullo sterrato deviando a poi a sinistra e seguire il bellissimo single trail che passa accanto al letto di un torrente in secca. Uscendo dal bosco andiamo poi a percorrere il sentiero che va ad attraversare i campi e raggiunto il bivio, sulla sterrata, giriamo a sinistra e procediamo in direzione di Prebone.  Breve excursus su un tratto asfaltato e poi ancora gli sterrati e i tratturi che ci condurranno alla periferia di Renate.

Dopo aver percorso la stradina di via Immacolata arriviamo al semaforo e poi giriamo a sinistra seguendo via G. Garibaldi per 350 m poi giriamo a destra e superiamo il sottopasso ferroviario e  seguiamo la stradina sterrata fino ad un bivio, dove prima del rudere della casetta giriamo a destra e seguiamo il single trail che passa al di sotto della collinetta dove si trova Cascina il Monte.  Raggiunto il tratto asfaltato della stradina che sale verso le case raggiungiamo il bivio e giriamo a sinistra per procedere su via Monte Resegone. La bella e stretta stradina arriva poi ad incrociare via E. Camisasca dove giriamo a sinistra ed in leggera salita passiamo accanto ad una vecchia cascina ed ad un'edicola della Madonna procedendo poi in salita su una sterrata che arriva la bivio del maneggio.

Giriamo a destra e procediamo su un breve tratto sterrato poi ci teniamo a destra e andiamo a percorrere il bel single trail che in falsopiano raggiunge Cascina Angelica dove andiamo ad attraversare la   SP112  portandoci in località Casaretto. Seguendo la stradina asfaltata andiamo ad attraversare il cortile della Cascina e uscendone dalla parte opposta ci portiamo sul single trail che in discesa va in direzione della località Chiesuola. All'incrocio della strada asfaltata giriamo a sinistra e poco dopo ritorniamo su sterrato seguendo il single trail che parte a sinistra dopo il boschetto e che raggiunge in rettilineo la località Visconta.

Passiamo accanto alla vecchia cascina e girando a destra percorriamo un altro bel tratto in single trail che nel mezzo del bosco ci conduce nei pressi di Cascina Cremonina. Dopo un tratto su tratturo arrivati al bivio sterrato giriamo a destra e superiamo l'allevamento di maiali raggiungendo il rudere di Cascina Casanesca. Lo superiamo e seguiamo il sentiero che passa nel mezzo dei campi ed al bivio del sentiero che ci conduce al Ciliegio Secolare Monumentale giriamo a sinistra e andiamo a percorrere l'ultimo tratto sterrato di quest'oggi con la bella discesa nella valletta del Rio Bevera e la seguente risalita verso la località Mornatella. All'incrocio con la   SP155  giriamo a sinistra e percorriamo il rettilineo in discesa che ci conduce ad incrociare a destra via F. Magellano dove giriamo a destra per terminare la nostra bella mattinata in mountain bike.

Note sul percorso    
   
Colline della Brianza in MTB